Direttive europee per la Pivacy Online

Questo sito WEB usa cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzionalità, anche di terze parti. Usufruendo del sito, acconsentite che questo tipo di informazioni vengano raccolte e memorizzate sul vostro dispositivo.

Leggi i riferimenti normativi europei sulla privacy online

Avete rifiutato l'utilizzo dei cookies. La vostra scelta può essere modificata in ogni momento.

Avete acconsentito all'utilizzo di cookies. Potete comunque modificare questa impostazione in ogni momento.

Domenica, 29 Ottobre 2017 22:28

Julian “Cannonball” Adderley, il sassofonista più sottovalutato della storia del jazz

La HDTT ha recentemente pubblicato "Things Are Getting Better", l'undicesimo lavoro discografico del grande (anche fisicamente) Julian "Cannonball" Adderley, definito da Joe Zawinul (e non solo) un genio musicale che dev'essere ancora valorizzato adeguatamente, come dimostra questo celebre album contrassengato da una presa del suono e da un riversamento da un nastro a due tracce a 15 ips di assoluto valore audiofilo

Questo fu l’undicesimo disco registrato da Julian “Cannonball” Adderley e il secondo con l’etichetta Riverside, contrassegnato da un sound rotondo, caldo e melodico. Oltre al celebre sassofonista suonarono Milt Jackson al vibrafono, Percy Heath al contrabbasso, Art Blakey alla batteria e Wynton Kelly al pianoforte. Ad occuparsi della presa del suono fu Jack Higgins e il riversamento è stato effettuato da un nastro a due tracce a 15 ips della Riverside. Il risultato è a dir poco degno di nota, visto che la dinamica riesce a restituire pienamente il calore del suono di Adderley e degli altri componenti.

Letto 1183 volte
Altro in questa categoria: « Come attrezzarsi per la Musica Liquida

Accesso Utente

Utilizzando questo sito si accettano integralmente le norme e le condizioni d'uso in vigore