Stampa questa pagina
Domenica, 29 Ottobre 2017 22:28

Julian “Cannonball” Adderley, il sassofonista più sottovalutato della storia del jazz

La HDTT ha recentemente pubblicato "Things Are Getting Better", l'undicesimo lavoro discografico del grande (anche fisicamente) Julian "Cannonball" Adderley, definito da Joe Zawinul (e non solo) un genio musicale che dev'essere ancora valorizzato adeguatamente, come dimostra questo celebre album contrassengato da una presa del suono e da un riversamento da un nastro a due tracce a 15 ips di assoluto valore audiofilo

Questo fu l’undicesimo disco registrato da Julian “Cannonball” Adderley e il secondo con l’etichetta Riverside, contrassegnato da un sound rotondo, caldo e melodico. Oltre al celebre sassofonista suonarono Milt Jackson al vibrafono, Percy Heath al contrabbasso, Art Blakey alla batteria e Wynton Kelly al pianoforte. Ad occuparsi della presa del suono fu Jack Higgins e il riversamento è stato effettuato da un nastro a due tracce a 15 ips della Riverside. Il risultato è a dir poco degno di nota, visto che la dinamica riesce a restituire pienamente il calore del suono di Adderley e degli altri componenti.

Letto 1533 volte