Direttive europee per la Pivacy Online

Questo sito WEB usa cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzionalità, anche di terze parti. Usufruendo del sito, acconsentite che questo tipo di informazioni vengano raccolte e memorizzate sul vostro dispositivo.

Leggi i riferimenti normativi europei sulla privacy online

Avete rifiutato l'utilizzo dei cookies. La vostra scelta può essere modificata in ogni momento.

Avete acconsentito all'utilizzo di cookies. Potete comunque modificare questa impostazione in ogni momento.

Giovedì, 24 Febbraio 2011 12:32

TINA BROOKS. TRUE BLUE

Vota questo articolo
(0 Voti)

TINA BROOKS. TRUE BLUE. XRCD Audio Wave (Blue Note) AWMXR-0004.

Tina Brooks (tenor saxophone); Sam Jones (double bass); Freddie Hubbard (trumpet); Duke Jordan (piano); Art Taylor (drums). Reg: Van Gelder Studios, Englewood Cliffs, NJ, USA, 25 giugno 1960. Prod: Alan Yoshida, Joe Harley. Mastering: Alan Yoshida, Joe Harley.

www.audiowavemusic.com

www.soundandmusic.com

giudizio artistico: OTTIMO

Certo che la vita... Tina Brooks, tenorsassofonista 'gigante mancato' che idea avrà della vita? Il problema sta, infatti, che neanche ha avuto tantissimo tempo per consolidarsene una. 1974 meno 1932: fanno 42 anni. Addirittura c'è insito anche del lesionismo dentro questo suo destino color piombo. Complice quella cosa chiamata droga, Brooks ha suonato in modo professionistico praticamente solo quattro anni, dal 1958 al '61. Giusto in tempo per salire sul palco con molte superstar di quella che era la piena era hard bop: Lionel Hampton, Freddie Hubbard, Jackie McLean, Jimmy Smith e Kenny Burrell. Giusto in tempo per registrare, in questi anni, quattro album per la Blue Note. Poco più di due ore di musica, ma che non possono lasciare indifferenti. Giusto il tempo, suo malgrado, per meritarsi questa maledetta etichetta di 'gigante mancato'. Piccolo manifesto dell'hard bop, True Blue è forse il migliore dei quattro album registrati da Tina Brooks. La formazione è un super quintetto. È una band che può suonare qualunque cosa, ma la copertina e il titolo non lasciano dubbi: il paradigma è sulla forma del blues. Un blues dove però si swinga anche duro. La forma prevalente dei brani è quella classica del bop: intro collettivo, giri di assolo e riunione finale; ma è dalle parti in solo che si sprigionano le vere forze della band. La musica di Brooks evidenzia tratti tutt'oggi in voga tra i sassofonisti moderni: poco vibrato, un timbro appena scuro e una voce piacevolmente aggressiva. Anche lo stile ha molto del moderno: fraseggio veloce, ricco, tortuoso e non solamente 'emozione'. E poi, un'esposizione tecnica che in certi passaggi lambisce (appena) il barocco. E anche lo stile di Hubbard, partner e co-leader ideale in quest'occasione, contiene molti aspetti proiettati avanti. Molto interessante e così 'vecchia maniera' quando in Miss Hazel, sax, tromba, ma anche piano, si sfidano in velocità. Luca Buti

giudizio tecnico: OTTIMO

È questa un'aggiunta significativa al catalogo Audio Wave. Audio Wave si occupa di ristampare in versione XRCD i titoli di punta del catalogo Blue Note dell'Eldorado del jazz, e True Blue appartiene in pieno all'estetica della sua etichetta originale. L'XRCD si conferma come uno dei workflow di masterizzazione qualitativamente migliori. Basato sul trasferimento delle informazioni a 24 bit, permette di esaltare (ovvero 'preservare') molte caratteristiche sonore. Il timbro contiene una qualità di realismo veramente notevole: niente artefatti digitali o, per dirlo in un modo patetico: ‘il suono è vinilico’. L'eccellenza nel voto complessivo è inibita dal soundstage: sì buono, ma niente più. Un po' troppo lo spazio vuoto nel mezzo ai diffusori: tromba a sinistra e sax a destra. Caratteristica questa tipica delle versioni stereofoniche registrate da Van Gelder ad inizio anni '60 (giusto per fare un esempio illustre, anche la versione stereo di Something Else si comporta così). Questa versione di True Blue, confrontata con la più che valida ristampa RGV Remaster, si dimostra migliore in tutti i parametri di mezzo punto abbondante. Qualitativamente, siamo un millimetro superiori anche alla versione in doppio LP Music Matters 2 x 180g, 45RPM. Quello che però il CD RGV Remaster, ha in più rispetto a questo Audio Wave, sono due bonus alternate takes (delle quali però si può anche fare a meno). Queste versioni XRCD non costano poco, ma sono e resteranno lo stato dell'arte non solo per il Red Book, ma per tutti gli standard commercializzati tramite supporti solidi. Altre migliorie potranno passare solo per un eventuale formato liquido ad alta risoluzione. Luca Buti

Letto 13567 volte
Sound and Music Novità Aprile 2016

Le novità di Aprile da Sound & Music

Sound and Music Novità Febbraio 2016

Le novità di Febbraio da Sound & Music

Audiophile Sound a casa tua

Abbonamento: Rivista+CD a casa tua

OFFERTA: Solo 81 Euro (con CD) per 12 numeri invece di 10

Risparmi 27 Euro su acquisto in edicola!!!

CLICCA QUI

Audiophile Sound Digital Edition

Compra l’ EDIZIONE DIGITALE

Solo 3,90 euro (5,90 con il CD)

Risparmia più di 3 Euro per numero!!!

CLICCA QUI

Audiophile Sound Abbonamenti

EDIZIONE DIGITALE

Solo 24 euro (39 euro con il CD)

OFFERTA: per 12 numeri invece di 10

Risparmia fino a 66 Euro sul'acquisto in edicola!!!

CLICCA QUI

 

Accesso Utente

Utilizzando questo sito si accettano integralmente le norme e le condizioni d'uso in vigore