Direttive europee per la Pivacy Online

Questo sito WEB usa cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzionalità, anche di terze parti. Usufruendo del sito, acconsentite che questo tipo di informazioni vengano raccolte e memorizzate sul vostro dispositivo.

Leggi i riferimenti normativi europei sulla privacy online

Avete rifiutato l'utilizzo dei cookies. La vostra scelta può essere modificata in ogni momento.

Avete acconsentito all'utilizzo di cookies. Potete comunque modificare questa impostazione in ogni momento.

Domenica, 07 Settembre 2014 00:00

Louis Couperin - Passacaille de Mr. Couperin

Vota questo articolo
(0 Voti)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

COUPERIN LOUIS. PASSACAILLE DE MR. COUPERIN. (Louis Couperin Edition vol.2). SACD Ibrido Aeolus AE10114 Bob Van Asperen, cembalo. Reg. Victoria and Albert Museum, Londra, 2006.

Meraviglioso. Semplicemente meraviglioso. Louis Couperin, da non confondersi con François Couperin. Cembalista virtuoso, grande compositore, uno dei principali contribuenti al repertorio cembalistico francese settecentesco, noto e arcinoto e oggetto di molto interesse discografico a partire soprattutto dagli anni settanta: splendide incisioni gli sono state dedicate da Gustav Leonhardt; Davitt Moroney ne ha inciso le opere integrali per HMF una ventina d'anni fa.
Qualche tempo fa, Bob Van Asperen si è imbarcato in un'altra registrazione delle opere di Louis Couperin ora giunta al secondo volume, facendo però due scelte che rendono unico questo integrale: innanzitutto la scelta di uno strumento originale, cioè non di una copia ma di un autentico cembalo francese dell'inizio del settecento, e in secondo luogo mettendo tutto in formato SACD.
Ovviamente potete immaginare da soli che risultato flamboyant dà la somma di Couperin più Van Asperen più un cembalo stupendo più il SACD. L'effetto è, in questi casi, ulteriormente assicurato, e per me lo era già stato in corrispondenza dei suoi splendidi dischi dedicati a Froberger, con la differenza che, mentre il compositore tedesco potrebbe risultare un po' ostico al grande pubblico, nel caso di Louis Couperin si sta parlando di suoni dolci e melodie freschissime e estremamente cantabili.
L'interpretazione è, come sempre, da Oscar: un suono splendido, una totale identificazione dell'esecutore con lo strumento, una precisione quasi maniacale della prassi esecutiva e della filologia dei testi. Non c'è molto altro da dire, la parola deve spettare alla musica. E sentiamoci positivamente speranzosi in relazione a tanti possibili nuovi progetti così ben curati e dettagliati...
Carlo Centemeri

giudizio tecnico: OTTIMO
La registrazione di un cembalo, seppure sembri cosa semplice, non lo è per niente: come su tutti gli strumenti a tastiera, ci si è posti per anni quesiti relativi all'effettuazione di prese stereofoniche o monofoniche, di bilanciamento della corposità del suono tramite uso di microfoni differenti a seconda della tessitura. Se poi registrare un cembalo italiano è comunque un'impresa, lo è ancora di più se ci si deve cimentare con un francese come questo (un superbo Vaudry del 1681) l'impresa esce dai binari e entra nei canoni del cimento. Questa ripresa punta su un posizionamento piuttosto ravvicinato dei microfoni, che quindi fa sentire a casa (e prudere le mani) a chi siede frequentemente dietro un cembalo, ma che potrebbe essere un'esperienza nuova (e a dirla tutta un po' strana) per chi invece musicista non è. Da questo punto di vista, se un così dettagliato palcoscenico sonoro è sicuramente un'esperienza che contribuisce a dare una notevole varietà allo scorrimento del disco, questo potrebbe risultare un po' spiazzante per l'ascoltatore di cembalo ‘medio’, ma probabilmente neanche più di tanto visto che si tratta di un approccio molto frequente.
Da notare lo splendido dettaglio riservato ai ‘rumori’ dello strumento che, seppur non fastidioso, contribuisce a rendere più completo il suono tramite un'eccellente scelta di particolari connessi a taluni effetti meccanici (penna su corda, saltarello a riposo, etc), decisamente ben calibrati.
Carlo Centemeri

 

Letto 13274 volte
Sound and Music Novità Aprile 2016

Le novità di Aprile da Sound & Music

Sound and Music Novità Febbraio 2016

Le novità di Febbraio da Sound & Music

Audiophile Sound a casa tua

Abbonamento: Rivista+CD a casa tua

OFFERTA: Solo 81 Euro (con CD) per 12 numeri invece di 10

Risparmi 27 Euro su acquisto in edicola!!!

CLICCA QUI

Audiophile Sound Digital Edition

Compra l’ EDIZIONE DIGITALE

Solo 3,90 euro (5,90 con il CD)

Risparmia più di 3 Euro per numero!!!

CLICCA QUI

Audiophile Sound Abbonamenti

EDIZIONE DIGITALE

Solo 24 euro (39 euro con il CD)

OFFERTA: per 12 numeri invece di 10

Risparmia fino a 66 Euro sul'acquisto in edicola!!!

CLICCA QUI

 

Accesso Utente

Utilizzando questo sito si accettano integralmente le norme e le condizioni d'uso in vigore