Direttive europee per la Pivacy Online

Questo sito WEB usa cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzionalità, anche di terze parti. Usufruendo del sito, acconsentite che questo tipo di informazioni vengano raccolte e memorizzate sul vostro dispositivo.

Leggi i riferimenti normativi europei sulla privacy online

Avete rifiutato l'utilizzo dei cookies. La vostra scelta può essere modificata in ogni momento.

Avete acconsentito all'utilizzo di cookies. Potete comunque modificare questa impostazione in ogni momento.

Venerdì, 03 Ottobre 2008 13:21

RAY CHARLES AND THE COUNT BASIE ORCHESTRA

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

RAY CHARLES AND THE

COUNT BASIE ORCHESTRA.

RAY CHARLES SINGS BASIE

SWINGS. 2 LP 180G Pure

Audiophile PA-012( 2).

Prod: Gregg Field. Eng: Don Murray,

Gregg Field. Mastering: Stan Ricker

(LP), Doug Sax, Sangwook Nam (CD).

giudizio artistico: OTTIMO-ECCEZIONALE

giudizio tecnico: BUONO


Tony Bennett ha registrato un album dal vivo con Count Basie e la sua orchestra a Philadelphia, pubblicato nel 1959 dallaColumbia Records (In Person! Tony Bennett,Count Basie and his Orchestra, CS 8104 'sei occhi'). Nel 1961, Peggy Lee ha pubblicato un album dal vivo per la Capitol, registrato al Basin Street East a New York. Entrambi gli album erano dei veri pasticci.

A causa di difficoltà tecniche al concerto di Bennett, la performance rivelò assolutamente inutilizzabile, per cui venne ri-registrata in studio con i rumori del pubblico, registrati durante l'evento, aggiunti in postproduzione per simulare un concerto dal vivo. Gli ingegneri Columbia aggiunsero un noioso riverbero per simulare la registrazione 'live', causando un vero disastro. Per

ragioni analoghe, anche gran parte dell'album di Peggy Lee venne ri-registrato in studio con i rumori del pubblico aggiunti. Questo album di Ray Charles e della Count Basie Orchestra non è stato registrato dal vivo e poi ri-registrato in studio. Infatti, il concerto non ebbe mai luogo! John Burk, capo della A&R per la Concord Records, stava spulciando il notevole catalogo Fantasy appena acquistato, quando si è imbattuto in un nastro marchiato Ray Charles and Count

Basie, parte della collezione di Norman Granz acquisita quando la Fantasy aveva comprato la Pablo Records.

Il nastro conteneva performance separate di Ray Charles e della sua Orchestra e del Conte con la sua, registrate durante gli anni '70 in Germania. Il fato voleva che la registrazione di Ray fosse inutilizzabile, a causa della ripresa particolarmente scarsa dell'orchestra,ma la voce di Ray, ripresa dal mixer era allo stesso tempo ben registrata e separabile dall'orchestra.

Burk, che aveva lavorato con Charles per l'album di duetti Genius Loves Company, mise insieme un team e iniziò a preparare le registrazioni vocali per prepararle alle nuove registrazioni orchestrali della Count Basie Orchestra, con arrangiamenti basati sugli originali di Ray ma 'basiezzati'. C'era stata, come puntualizzano le note di copertina, una precedente, imperdibile uscita di Ray del 1961, Ray+Soul=Jazz (Impulse A-2), in cui Ray cantava e suonava l'organo accompagnato da membri della band di Basie, meno il Conte, con arrangiamenti 'basiezzati' di Quincy Jones e Ralph Burns. Ray aveva 29 anni quando era stato registrato.

Ray era nei suoi quaranta quando erano state registrate le parti vocali di questo disco,

e naturalmente egli non era più tra noi quando sono stati scritti e registrati gli arrangiamenti

(di varia origine: Shelly Berg, Roger Neumann, Tom Scott, Quincy Jones e altri)

per questo album, durante l'inverno e la primavera del 2006 ai Capitol Studios; Patti

Austin scriveva gli arrangiamenti vocali per le Raelettes, cantando anche tra loro. Joey

DeFrancesco suonava l'Hammond B-3 in due brani. Il repertorio di Ray in quel periodo consisteva

di standard Country e di Broadway, alcuni standard suoi e alcuni pop e rock. Il mix di

brani comprende Oh, What a Beautiful Morning, Let the Good Times Roll, Busted, I Can't Stop

Loving You, How Long Has This Been Going On, Crying Time, The Long And Winding Road

e Look What They've Done to My Song. Per cui troverete Gershwin, Don Gibson,

Buck Owens, Lennon/McCartney, Melanie & Boudleaux e Felice Bryant, tra gli altri. Sufficientemente eclettico? Gli acquirenti del vinile avranno il brano extra Them That Got, più una confezione stupenda. Gli acquirenti dell'SACD (Telarc), avranno un mix 5.1 curato da Michael Bishop che io non ho sentito. Naturalmente, il tutto è stato prodotto in

digitale usando Pro-Tools. Ciò nonostante, il suono è decisamente buono e non mostra

la classica grana, spigolosità e brillantezza del digitale. Ciò che si perde in termini di calore

brunito, ricchezza armonica e spazio è più che compensato dalla grande chiarezza e

dall'uniforme trasparenza che riguarda, sorprendentemente, il pianoforte, i piatti e

gli ottoni. Stan Ricker ha inciso lacche derivate dai file a 96kHz/24bit, per cui è probabile

che il vinile suoni meglio della versione su CD, per evidenti motivi! Cosa più importante, giuro, non direte mai che Ray non era li a cantare dal vivo con l'orchestra. Non direste mai che la grande,

vibrante voce di Ray è stata rubata dallo scarsissimo nastro di un concerto dal vivo

in Germania degli anni '70. The Long and Winding Road di Ray vale da sola il prezzo

di acquisto.

E' facile raccomandare questo disco ai fan di Ray, ma prima assicuratevi di trovare un LP originale di Genius+Soul=Jazz. Prima c'è lui. Ma questo disco, sorprendentemente, non sembra essergli molto inferiore

Michael Fremer

Letto 8671 volte Ultima modifica il Venerdì, 03 Ottobre 2008 13:21

Editore

Sound and Music Novità Aprile 2016

Le novità di Aprile da Sound & Music

Sound and Music Novità Febbraio 2016

Le novità di Febbraio da Sound & Music

Audiophile Sound a casa tua

Abbonamento: Rivista+CD a casa tua

OFFERTA: Solo 81 Euro (con CD) per 12 numeri invece di 10

Risparmi 27 Euro su acquisto in edicola!!!

CLICCA QUI

Audiophile Sound Digital Edition

Compra l’ EDIZIONE DIGITALE

Solo 3,90 euro (5,90 con il CD)

Risparmia più di 3 Euro per numero!!!

CLICCA QUI

Audiophile Sound Abbonamenti

EDIZIONE DIGITALE

Solo 24 euro (39 euro con il CD)

OFFERTA: per 12 numeri invece di 10

Risparmia fino a 66 Euro sul'acquisto in edicola!!!

CLICCA QUI

 

Accesso Utente

Utilizzando questo sito si accettano integralmente le norme e le condizioni d'uso in vigore