Direttive europee per la Pivacy Online

Questo sito WEB usa cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzionalità, anche di terze parti. Usufruendo del sito, acconsentite che questo tipo di informazioni vengano raccolte e memorizzate sul vostro dispositivo.

Leggi i riferimenti normativi europei sulla privacy online

Avete rifiutato l'utilizzo dei cookies. La vostra scelta può essere modificata in ogni momento.

Avete acconsentito all'utilizzo di cookies. Potete comunque modificare questa impostazione in ogni momento.

Venerdì, 06 Marzo 2015 14:39

Un capolavoro del Seicento musicale

Il grande direttore René Jacobs, con l'Akademie für Alte Musik Berlin e valenti interpreti vocali, ha registrato per la Harmonia Mundi la "Rappresentatione di Anima & di Corpo" di Emilio de Cavalieri

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La "Rappresentatione di Anima & di Corpo" di Emilio de Cavalieri è un’opera chiave della storia della musica, nella quale confluiscono le correnti sociali, religiose, letterarie e musicali per formare il primo dramma musicale (a noi pervenuto integralmente), espressione del cosiddetto “recitar cantando” o di quello stile che Giulio Caccini definiva a quel tempo, siamo agli albori del ‘600, “in armonia favellare”. Tema emblematico della Controriforma, questo dialogo in cui si confrontano allegoricamente anima e corpo impiega solisti, coro e un’orchestra variegata. Una congiunzione bilanciata di canto, azione scenica, danza e musica strumentale che si pone fra la nascente opera in musica e l’oratorio, ma in verità collocandosi al di fuori di entrambi. L’opposizione tra bene e male, che non conosce sfumature, impiega espedienti musicali, come la diversa polarità fra tonalità maggiore e minore, per conferire ai personaggi caratteri molto precisi. Cavalieri si sforza di adattare al testo strofico di Padre Agostino Manni il canto drammatico di tipo fiorentino, non esattamente un recitativo, ma una melodia tipicamente declamata accompagnata dal basso continuo. Per la realizzazione sonora di questo lavoro René Jacobs ha adottato uno dei trattati basilari per la pratica del basso continuo, “Del sonare sopra il basso” di Agostino Agazzari. In una straordinaria simbiosi con l’Akademie für Alte Musik, il direttore durante le prove ha accolto l’aggiunta di improvvisazioni degli strumentisti, oltre ad averne proposte di sua invenzione, nel rispetto e nella coerenza della concezione d’insieme.

 

Notizie fornite da Ducale Music

 

www.ducalemusic.it

 

Letto 385 volte

Accesso Utente

Utilizzando questo sito si accettano integralmente le norme e le condizioni d'uso in vigore