Direttive europee per la Pivacy Online

Questo sito WEB usa cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzionalità, anche di terze parti. Usufruendo del sito, acconsentite che questo tipo di informazioni vengano raccolte e memorizzate sul vostro dispositivo.

Leggi i riferimenti normativi europei sulla privacy online

Avete rifiutato l'utilizzo dei cookies. La vostra scelta può essere modificata in ogni momento.

Avete acconsentito all'utilizzo di cookies. Potete comunque modificare questa impostazione in ogni momento.

Venerdì, 27 Marzo 2015 10:11

Géza Anda e Ferenc Fricsay eseguono Béla Bartók

La Speaker Corner pubblica un 33 giri audiofilo con il primo concerto per pianoforte e la Rapsodia del grande autore magiaro in una storica registrazione della DG

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tra la Rapsodia di Bartók per pianoforte e il suo Primo Concerto per pianoforte c'è un intervallo di tempo di ventidue anni fatto di sviluppo, di una lotta per trovare materia, forma e il suo linguaggio musicale. Mentre la Rhapsody del 1904 è dominata da un timbro tardo-romantico, che si diletta in una festa libera, scoscesa e capricciosa di armonie affabili, il Concerto per pianoforte riflette la contemplazione e approfondisce il rigore formale della forma concerto in tre movimenti classici. Ma l'uso del pianoforte non è assolutamente convenzionale, visto che viene usato come uno strumento a percussione. Una sfida che Géza Anda e la Radio Symphonie Orchester Berlin diretta da Ferenc Fricsay affrontano magnificamente. Questa registrazione avvenne nell'ottobre del 1960 alla Jesus-Christus-Kirche di Berlino, con l'ingegnere del suono Günter Hermanns e prodotto da Otto Gerdes.

 

Notizie fornite da Speakers Corner

 


www.speakerscornerrecords.com

 

 

Letto 362 volte

Accesso Utente

Utilizzando questo sito si accettano integralmente le norme e le condizioni d'uso in vigore