Stampa questa pagina
Domenica, 25 Ottobre 2015 22:43

I giovani nuovi talenti italiani della musica suonano per i giovani ascoltatori

Riprende anche quest'anno "Musica pourparler", la serie di lezioni-concerto organizzate dalla IUC, che si svolgono la mattina alle 11.00 e che sono destinate particolarmente agli studenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il primo di questi incontri vede sul palco dell'Aula Magna della Sapienza, martedì 27 ottobre alle 11.00, il chitarrista Gian Marco Ciampa e lo Steam Quartet, giovani promesse formatesi nelle aule del Conservatorio "Santa Cecilia" di Roma. La chitarra classica, strumento dalla lunga tradizione e dalle mille sfaccettature, popolari e colte, sarà la protagonista di un ricco e variegato programma musicale, accompagnata dalla più classica delle formazioni cameristiche, il quartetto d'archi.

Gian Marco Ciampa ancora bambino partecipa e vince numerosi concorsi musicali internazionali e nazionali. Nel 2006, dopo una selezione nazionale, viene invitato a partecipare al programma “Domenica In - Ieri, oggi e domani” in diretta televisiva su Rai 1, condotto da Pippo Baudo. È nel 2012 e nel 2013 che ottiene i maggiori riconoscimenti, la vittoria del Concorso Internazionale “Niccolò Paganini” e del prestigioso Concorso Europeo “Enrico Mercatali”. Nel maggio 2015 parte per la Cina e lo vede esibirsi con grande successo in concerto e tenere una masterclass a Pechino. Da sempre affianca la sua carriera di chitarrista classico a quella di chitarrista elettrico, svolgendo un’intensa attività live e in studio con la sua band, i Libra, spaziando dal rock al jazz, dal pop all’elettronica.
Lo Steam Quartet è formato da giovani ( Eunice Cangianiello e Soichi Ichikawa, violini; Gisella Horvat, viola; Elisa Astrid Pennìca, violoncello) che hanno già una solida esperienza nell’ambito di orchestre lirico-sinfoniche quali le Orchestre dell’ Accademia Nazionale di S. Cecilia e del, Teatro La Fenice di Venezia, con le quali si sono esibiti in concerti e tournée nazionali ed internazionali. Nell’ambito della musica da camera e del proprio strumento ognuno dei quattro componenti ha potuto approfondire i propri studi con prestigiosi insegnanti. Si esibiscono in concerti con ensemble da camera e da solisti in Italia e all’estero. Collaborano per registrazioni di CD e colonne sonore con Ennio Morricone, Nicola Piovani, Ludovic Bource, Luis Bakalov. Con questo background di formazione e di esperienza professionale lo Steam Quartet propone programmi che vanno dal barocco alla musica pop,
Quest'appuntamento musicale si apre con il Concerto in re maggiore per chitarra ed archi di Antonio Vivaldi, un pezzo dai toni vivi e brillanti e di grande virtuosismo. Il Quintetto "Fandango", scritto in Spagna da Luigi Boccherini, è forse l'opera più famosa e anche più bella di questo compositore, che qui fonde il carattere acceso e impetuoso della musica popolare spagnola con l'eleganza della fine del Settecento.
Si prosegue lasciando spazio al quartetto d'archi con Eine kleine Nachtmusik, uno dei brani più famosi di Wolfgang Amadeus Mozart, tanto che circola come una vera e propria "hit" musicale ed è diventato anche una suoneria dei telefonini. Seguono due brani per la chitarra solista, che ha l'occasione di esibire i colori spagnoli di Recuerdos de la Alhambra di Francisco Tarrega e Asturias di Isaac Albeniz. Chitarra e quartetto si riuniscono in due altri brani spagnoli, Danza rituale del fuoco e Danza spagnola di Manuel de Falla. E per finire Tango en skai di Roland Dyens, che ricrea la tipica danza argentina alla luce del raffinato stile francese moderno.
Per maggiori informazioni: tel. 06.3610051/2 - mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Notizie fornite dall'Istituzione Universitaria dei Concerti


www.concertiiuc.it

 

 

Letto 456 volte