Direttive europee per la Pivacy Online

Questo sito WEB usa cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzionalità, anche di terze parti. Usufruendo del sito, acconsentite che questo tipo di informazioni vengano raccolte e memorizzate sul vostro dispositivo.

Leggi i riferimenti normativi europei sulla privacy online

Avete rifiutato l'utilizzo dei cookies. La vostra scelta può essere modificata in ogni momento.

Avete acconsentito all'utilizzo di cookies. Potete comunque modificare questa impostazione in ogni momento.

Venerdì, 07 Dicembre 2007 11:27

BUXTEHUDE: IN DULCI JUBILO

Vota questo articolo
(0 Voti)

BUXTEHUDE. IN DULCI JUBILO.

CD Carus 83.156.

Vocalensemble Rastatt- Lesa Favorites. Direttore Holger Speck

Carus Verlag, 2003. Reg. nella chiesa cattolica della Resurrezione di Karlsruhe, 26-30 ottobre2003. Eng: Andreas Neubronner.

www.jupiterclassics.com


giudizio artistico: buono

Il 2007 dovrebbe essere l'anno di Buxtehude, poichè ricorre quest'anno il trecentenario della scomparsa del grande organista. Questo CD della Carus Verlag ha, come tutte le pubblicazioni di quest'etichetta, una valenza più documentaria che non interpretativa, ma è comunque un acquisto piacevole, specie per chi non conosce le opere vocali di Buxtehude. Troviamo nel disco otto cantate (anche se l'Alleluja finale non è originariamente un'opera a se stante) dove troviamo molti aspetti delle abilità compositive di Buxtehude, sia nell'uso dei solisti che in quello del coro. Ovviamente, dovremo attendere Bach perchè anche gli strumenti abbiano una vera e propria scrittura virtuosistica e non siano un mero accompagnamento (anche se molto ben elaborato). E' quindi un'ottima occasione per ascoltare insieme alcune cose come Das neugebohrene Kindelein, oppure In dulci jubilo o ancora il notissimo Cantate Domino. Troviamo nel disco anche alcune cose neglette, come il Magnificat (ormai considerato certamente spurio, ma davvero piacevolissimo da ascoltare). Il disco, dicevo, ha prevalente valenza per l'aspetto documentario, e quindi l'esecuzione lascia un po' a desiderare. Se il coro è comunque molto pastoso e trasuda tradizione tedesca da tutti i pori, l'ensemble strumentale è un po' raffazzonato e tradisce il fatto che Holger Speck sia prevalentemente un direttore esperto nell'ambito corale. Non fraintendiamoci, le buone idee non mancano e il disco è piacevole. Se volete un buon cd da cui cominciare, questo è sicuramente un ottimo punto di partenza. Si spera inoltre che, nel corso dell'anno, appaiano tanti altri bei cd dedicati alla musica vocale del buon Dietrich.

Carlo Cementeri


giudizio tecnico: OTTIMO

DINAMICA: 4/5

EQUILIBRIO TONALE : 4/5

PALCOSCENICO SONORO: 3/5

DETTAGLIO: 3/5

Il dettaglio degli strumenti si poteva curare un po' meglio, le trombe sono spente e fuori fuoco (anche quando dovrebbero incendiare tutta la scena, come nell'alleluia che conclude il cd) e gli archi dicono pochino. D'altra parte, il coro è reso molto bene e rende giustizia alla scrittura di Buxtehude. Il riverbero è ottimo, e così anche il bilanciamento solisti/ coro: la scelta di incidere in un'antica chiesa cattolica e non in una chiesa moderna ovviamente aiuta moltissimo in questo, evitando di creare un suono tipico delle chiese tedesche moderne che tende spesso al secco sahariano, cosa che (suppongo proprio per la mia abitudine italiana) trovo molto fastidiosa su questo repertorio, che invece viene reso un un'atmosfera morbida (probabilmente quella che Buxtehude aveva a Lubecca) ma che non perde comunque di mordente. Carlo Cementeri

Iscriviti subito per ricevere la newsletter con le ultime novità dall'editore Pierre Bolduc: basta effettuare la registrazione sul sito

Leggi tutti

Hardware

Ancora Hardware

Varie

Musica e dischi

Tutti i video

  • AS Speciale Top Audio AS Speciale Top Audio
  • AS Souvenir Edition Audiophile Sound Souvenir Edition Una lunga intervista con Pierre Bolduc…

Accesso Utente

Utilizzando questo sito si accettano integralmente le norme e le condizioni d'uso in vigore