fbpx

Direttive europee per la Pivacy Online

Questo sito WEB usa cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzionalità, anche di terze parti. Usufruendo del sito, acconsentite che questo tipo di informazioni vengano raccolte e memorizzate sul vostro dispositivo.

Leggi i riferimenti normativi europei sulla privacy online

Avete rifiutato l'utilizzo dei cookies. La vostra scelta può essere modificata in ogni momento.

Avete acconsentito all'utilizzo di cookies. Potete comunque modificare questa impostazione in ogni momento.

Domenica, 29 Ottobre 2006 09:53

Berlioz. Requiem. LP/DVD Classic Records/Vanguard

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

BERLIOZ. REQUIEM.

Charles Bressler, University of Utah Civic Chorale ed A Capella Choir, Utah Symphony Orchestra, Maurice Abravanel.

2 LP Classic Records/Vanguard VCS 10070. 2LP 200g.

Studio. Stereo. Salt Lake City, Mormon Tabernacle Church. 1969. Prod: S.Solomon. Eng: E.Friedner.


BERLIOZ. REQUIEM.

Charles Bressler, University of Utah Civic Chorale ed A Capella Choir, Utah Symphony Orchestra, Maurice Abravanel.

DVD-A Classic Records HDAD 2012.

ADD. Studio. Stereo. Salt Lake City, Mormon Tabernacle Church. 1969. Prod: S.Solomon. Eng: E.Friedner.


giudizio artistico: OTTIMO

giudizio tecnico: OTTIMO-ECCEZIONALE (vinile)

giudizio tecnico: ECCEZIONALE (DVD)

Sono sempre stato dell'opinione che gli audiofili dovrebbero conoscere il Requiem di Berlioz.

E' uno spartito che pare essere stato scritto per noi: ampio organico orchestrale, due cori e quattro sezioni aggiuntive di ottoni che, secondo lo spartito, devono essere posizionate ai quattro punti cardinali della sala o della chiesa in cui l'opera viene eseguita. E non dimentichiamoci i sedici timpani, le due grancasse, i quattro tam tam ed i dieci cimbali! Ecco perché ho incluso Rex Tremendae (Traccia 5) nel CD Telarc allegato ad AS di Aprile 2005 (Audiophile Spectacular, Vol.4). Quella lettura (Shaw/Atlanta Symphony and Chorus) è buona, ed ho pensato che rappresentasse l'opportunità perfetta per farvi entrare in contatto con un pezzo talmente grandioso. Conoscere un nuovo pezzo musicale è un po' come imparare a guidare: non si può prendere la prima lezione di guida su una Ferrari o una Lamborghini Diablo. Lo stesso con le interpretazioni. E' importante conoscere prima il pezzo per poi apprezzarne le stupende letture.

Anche se la versione di Shaw è suonata molto bene e cantata in modo incredibile, manca del fuoco interiore di, diciamo, l'incredibilmente tesa lettura di Charles Munch su una registrazione RCA Living Stereo (l'edizione su CD è, ahimé, disponibile solo nel cofanetto di otto CD dedicato a Munch che dirige Berlioz, RCA 09026 68444-2, ma è stata resa disponibile recentemente su un SACD ibrido a medio prezzo RCA Living Stereo, 82876663732, con una qualità sonora molto superiore).

Per una registrazione moderna potete anche rivolgervi alla recente registrazione Telarc, una multicanale, con lo stesso coro e la stessa orchestra della versione di Shaw ma diretta questa volta da Robert Spano (Telarc SACD 80627) in una performance molto più tesa di quella di Shaw. La registrazione qui recensita è stata effettuata nel 1969 nel sonoro Mormon Tabernacle Temple. E' stata pubblicata recentemente dalla Classic Records nel formato DVD. Se non vado errato, questa release su due dischi è il loro primo HDAD multicanale. Il disco 1 è il normale disco DVD a doppia faccia con programma a due canali con risoluzione 24/192 (DVD-A) su una faccia e con dati a due canali e 24/96 sull'altra (questa scelta è dettata dal fatto che non tutti i lettori DVD possono leggere il 24/192). Il secondo disco contiene una versione a quattro canali con risoluzione 24/96 su un lato e quella codificata Dolby AC-3 sull'altro. Ho sentito questa versione e l'ho trovata molto notevole, uno dei migliori lavori in multicanale che abbia mai incontrato.

Qui recensita è la versione su vinile, il nastro master della quale è stata fatta ascoltare lo scorso anno dal presidente di Classic Records, Michael Hobson, nella nostra sala al Top Audio. Ciò che lui ci ha fatto sentire era comunque un mix-down a due tracce su nastro da ¼ di pollice del nastro master originale a quattro tracce. Dice Mr. Hobson: "Abbiamo utilizzato copie dell'LP originale per recuperare il bilanciamento del mix da quattro a due tracce ed abbiamo effettuato il trasferimento in un solo passaggio per preservare le intenzioni del leggendario Seymour Solomon e del Maestro Abravanel, allo stesso tempo conservando un maggiore livello di dettaglio che rivela ogni sfumatura del suono del Mormon Tabernacle in cui la registrazione è stata effettuata."

Ciò che Mr.Hobson non dice è che il mix-down a due tracce ovviamente non può riprodurre le particolari qualità che si possono apprezzare nell'edizione su DVD multicanale. Abbastanza ovvio, suppongo. Eppure, esso suona imponente: ciascuna sezione orchestrale è ben delineata e l'effetto generale nel Tuba Mirum e nel Rex Tremendae è quasi da brivido. Non penso che gli LP possiedano la spinta dinamica che si trova sull'edizione su DVD, ma la microdinamica rimane impressionante e l'immagine sonora è stabile e naturalmente disposta tra i diffusori.

Per quanto riguarda la performance il tenore, Charles Bressler, offre una delle migliori letture su disco. Abravanel mantiene i tempi su un ritmo molto fluido e anche se non può emulare la passione di un Bernstein (EMI) o la francesità di Munch (RCA), la sua è una lettura gradevole che non deluderà.

Conclusione: un buon cofanetto per conoscere questo lavoro, anche se l'edizione su DVD è di livello tecnico più elevato.

Pierre Bolduc

Letto 9636 volte
Altro in questa categoria: Beethoven. Concerto per Pf. n.1 »

Accesso Utente

Utilizzando questo sito si accettano integralmente le norme e le condizioni d'uso in vigore