fbpx

Direttive europee per la Pivacy Online

Questo sito WEB usa cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzionalità, anche di terze parti. Usufruendo del sito, acconsentite che questo tipo di informazioni vengano raccolte e memorizzate sul vostro dispositivo.

Leggi i riferimenti normativi europei sulla privacy online

Avete rifiutato l'utilizzo dei cookies. La vostra scelta può essere modificata in ogni momento.

Avete acconsentito all'utilizzo di cookies. Potete comunque modificare questa impostazione in ogni momento.

  • Audiophile sound CARTACEA

      ANNUNCI 1 for 179

     

  • Audiophile sound CARTACEA

     ANNUNCI 2 for 179

     

  • Audiophile sound CARTACEA

     

    ANNUNCIO 5 AS 179

    ANNUNCIO 6 AS 179

     

  • 1
Giovedì, 08 Marzo 2007 12:24

CPE BACH - SINFONIE

Vota questo articolo
(0 Voti)

CPE BACH.

SINFONIE NN. 1- 4. CONCERTO PER VIOLONCELLO IN LA.

SACD multicanale Harmonia Mundi HMU 807405.

Alison McGillivray, violoncello; The English Concert, Andrew Manze.

www.ducalemusic.it


Una nota: dato che il sistema di numerazione per le sinfonie di CPE Bach non ha ancora raggiunto la notorietà di altri grandi compositori sinfonici, le quattro sinfonie hanno numero di catalogo Wotquenne da 1 a 4. Altra nota: questa è probabilmente la migliore registrazione effettuata da Andrew Manze direttore (in contrapposizione al Manze virtuoso violinista) dal tempo dei suoi primi dischi con la Hamonia Mundi (prodotti nel 1998) con i 12 Concerti opus 6 di Handel. Le incredibili performance ribollono e si agitano come lo stesso CPE Bach, i contrasti tra energia e quiete hanno il loro usuale impatto intrattenitivo, con gli occasionali pieni di eccezionale bellezza lirica, come il magnifico movimento lento del 183/3, mai così impressionanti.

Nel relativamente noto Concerto per Violoncello in La maggiore, che chiosa le sinfonie, la giovane virtuosa scozzese Alison McGillivray (pure violoncellista principale degli English Concert) non eguaglia quella che rimane il riferimento standard per questo meraviglioso lavoro, la moderna e bipolare lettura strumentale di Robert Bex con Pierre Boulez alla direzione (accoppiata con l'incandescente lettura del Concerto per flauto in Re minore di Jean-Pierre Rampal e che spunta ogni tanto nella linea a basso prezzo della Harmonia Mundi). McGillivray eccelle nel delizioso movimento lento (una della più perfette ispirazioni del compositore) ed in generale è ben adatta al contesto dell'appassionata direzione di Manze.

Per quanto fosse buono il CD convenzionale, con i suoi timbri luccicanti e le affilate dinamiche, la versione in SACD offre in più tanto calore e una presentazione tridimensionale molto dettagliata - particolarmente notevole, per esempio, quando il corno enfatizza le conclusioni drammatiche. Le note di copertina storicamente avvincenti di Manze espongono i fatti in maniera moderatamente attraente, anche se un po' asciutta.

Laurence Vittes /www.audaud.com

Accesso Utente

Utilizzando questo sito si accettano integralmente le norme e le condizioni d'uso in vigore