fbpx

Direttive europee per la Pivacy Online

Questo sito WEB usa cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzionalità, anche di terze parti. Usufruendo del sito, acconsentite che questo tipo di informazioni vengano raccolte e memorizzate sul vostro dispositivo.

Leggi i riferimenti normativi europei sulla privacy online

Avete rifiutato l'utilizzo dei cookies. La vostra scelta può essere modificata in ogni momento.

Avete acconsentito all'utilizzo di cookies. Potete comunque modificare questa impostazione in ogni momento.

  • Audiophile sound CARTACEA

    ANNUNCIas 179 carta3

    CLICK SULLA COPERTINA PER SCARICARE L'ANTEPRIMA
  • Audiophile sound DIGITAL

    as 178

    CLICK SULLA COPERTINA PER SCARICARE L'ANTEPRIMA
  • Audiophile Sound News

    as news

    CLICK SULLA COPERTINA PER SCARICARE L'ANTEPRIMA
  • 1
Giovedì, 13 Dicembre 2007 13:12

STANFORD. SONGS OF THE FLEET.

Vota questo articolo
(0 Voti)

STANFORD. SONGS OF THE FLEET. THE REVENGE: A BALLAD OF THE FLEET. SONGS OF THE SEA. SACD

Chandos CHSA 5043 Gerald Finley (baritono), BBC National Chorus of Wales, BBCNational Orchestra of Wales, dir:Richard Hickox

Registrazione digitale stereo da studio, Brangwyn Hall, Swansea, 6-8/7/2005

Prod: Brian Couzens; Eng: RalphCouzens.

www.jupiterclassics.com


giudizio artistico: ECCEZIONALE

Sir Charles Stanford era una protestante di Dublino che aveva una passione per la Royal Navy,per i marinai e per i versi di Tennyson. Le sue Songs of the Fleet and the Sea sono state registrate da parecchi baritoni anglofoni, ma The Revenge non è mai stata registrata su disco prima di questa edizione. Questo pezzo ed il resto delle canzoni sono meno che remotamente rivoluzionarie e ci sono, come nel primo Verdi, alcuni passaggi con ritmi sostenuti che Gilbert & Sullivan hanno agevolmente sfruttato come fonti di ispirazione. Ma vale la pena ricordare che Stanford usa e trasforma brillantemente molti dei ritmi che costituiscono un elemento principale di quella peculiare forma di canzone che è il British sea shanty e abbonda nella melodia e nello spirito che comunica vera nobiltà e malinconia. Comunque, per molti ascoltatori questo CD è desiderabile a causa del contributo di Gerald Finley, l giovane baritono britannico che sta diventando una stella di levatura internazionale. La sua voce è certamente superba, con un vibrato strettamente controllato, proiezione, risonanza, registri perfettamente integrati, che si tratti di fortissimi o piani, il registro inferiore è inusualmente forte e la voce possiede la rara dote di un timbro immediatamente riconoscibile. Le performance che egli offre in questo disco sono di standard eccezionalmente elevato. Egli può suggerire la malinconia di The Midnight Watch e Homeward Bound con sfumature timbriche superbamente ombreggiate e cogliere l'esuberanza e la spavalderia di Devon, O Devon ed il suono non mostra mai segni di pressione, la voce fa esattamente ciò che egli le chiede. Il coro è ottimo, con unisono ed intonazione eccellenti e l'orchestra garantisce un supporto brillante sotto la direzione incisiva (aggettivo,questo, normalmente non associato a questo musicista)di Richard Hickox.

Accesso Utente

Utilizzando questo sito si accettano integralmente le norme e le condizioni d'uso in vigore