fbpx

Direttive europee per la Pivacy Online

Questo sito WEB usa cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzionalità, anche di terze parti. Usufruendo del sito, acconsentite che questo tipo di informazioni vengano raccolte e memorizzate sul vostro dispositivo.

Leggi i riferimenti normativi europei sulla privacy online

Avete rifiutato l'utilizzo dei cookies. La vostra scelta può essere modificata in ogni momento.

Avete acconsentito all'utilizzo di cookies. Potete comunque modificare questa impostazione in ogni momento.

184 CARTA WITH CD COVER AS DIG 184 CON CD 00001

 AS CARTA       AS DIGITAL         AS NEWS

  • BANNER 2

  • BANNER 3

  • BANNER 4

  • 1
Venerdì, 18 Gennaio 2008 13:22

Mysterious Shorter

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Mysterious Shorter

Nicholas Payton Quartet

Hybrid SACD Chesky Records SACD 321

Recorded by Nicholas Prout/Single Point Microphone/St. Peter’s Episcopal Church/NY

Mastered by Nicholas Prout


Giudizio artistico: OTTIMO/ECCEZIONALE

“Multilevel Shorter”, potremmo principiare. Sassofonista lirico e passionale (Wayne Shorter, ovviamente), unico interprete nel “saper cantare in modo supremo una melodia”, disse a suo tempo Miles Davis. Caratteristico sempre, dagli esordi con Miles, appunto, fino al progetto Weather Report dove solamente Zawinul riusciva talvolta a bloccarne ogni poesia con sonorità (non con fraseggi, questo mai) sintetizzate stucchevoli se non imbarazzanti; per approdare in escursioni tardo elettriche con lo Stanley Clarke dei “rivisti e corretti” (If this bas could only talk). Sempre, e comunque, unico, commovente, a sprazzi drammatico nelle evoluzioni melodiche. Ma Shorter non è solo questo, ci dice apertamente Bob Belden; e può influenzarti a diversi livelli: nelle composizioni, negli arrangiamenti, nella stessa evoluzione delle fasi della sua vita musicale. Quindi, non semplicemente composizioni di Shorter di fine anni ‘60/inizio ’70 reinterpretate nel proprio stile, ma quelle stesse composizioni interpretate nel proprio stile assimilando “il messaggio” di Shorter. Concetto difficile da spiegare, ma quello dei 5 musicisti newyorchesi è un tentativo nobilissimo e profondo di reinterpretare/assimilare un musicista, con rispetto profondo e nessuno scimmiottamento interpretativo. Tentativo, questo sarebbe stato da chiarire subito, riuscito, anzi, riuscitissimo. Jazz-rock (osiamo dire?) con punte dinamiche eccellenti e ritmiche incalzanti, groove strepitoso ed una reale e personalissima re-interpretazione di … un musicista! E se a ciò si aggiunge il fatto che la parte ritmica sia stata ottenuta senza l’ausilio di un basso (tastierista e chitarrista si alternano per sostenere il fondamento armonico) ciò fa intendere quanto, in questo caso, Shorter non abbia permeato, con la propria essenza, una persona, chessò, due; bensì, un gruppo. In uno dei più riusciti esempi di positiva, strepitosa, formidabile psicosi di massa.

Enzo Carlucci


Giudizio tecnico: OTTIMO/ECCEZIONALE

Dinamica: 4

Soundstage: 5

Tonal Balance: 5

Dettaglio: 4/5

Single-Point (mah), no overdubs (ci credo), no multitracking (ci credo), no large-mixing console (ma non si trattava di una single-point recording?).

Insomma, che male c’è? Che male c’è ad ammettere che, qui o lì, si è utilizzata qualche “equalizzatina”? Che la batteria ha richiesto un paio di microfoni spot per gli accenti, microfoni magari allineati in fase nel dominio digitale? Sapete, io ne ho un po’ le tasche (per non usare un altro termine) piene di dichiarazioni estremistiche sull’audio. Preferisco sentirmi dire, come da Michael Hobson (Presidente della Classic Records) che vengono utilizzate equalizzazioni, anche se di altissimo livello, per rendere il suono fruibile e corretto, se in origine corretto non era (come in origine corretto, per le rimasterizzazioni, non lo è mai nel 90% dei casi). Evvivaddio. Che male c’è ad ammetterlo? Perché ad esempio faccio fatica, veramente una enorme fatica a credere che (guardate le foto interne del disco) la batteria (letteralmente racchiusa in un gabbiotto) non sia stata “accentata” con un paio di spot ben collocati. Tanto più che la Chesky Records, nel confronto con le altre etichette, non ha vinto: ha stravinto. E se è stata in grado di fare ciò è perché è sempre ricorsa a tecnici (Bob Katz, Miguel Kertsman, Nicholas Prout) di valore elevatissimo. E allora? Cosa dovrei fare? Dovrei parlare dell’ennesima volta dello stratosferico soundstage? O della piacevolissima caratterizzazione eterea del suono? Siamo a livelli scandalosamente alti, signori miei, con una piccolissima riserva per la dinamica; ma pur sempre a livelli elevatissimi. E di fronte a questo positivissimo scempio cosa posso fare se non focalizzarmi sull’eterna costante dei batteristi di non essere capaci di accordare un rullante? E Billy Drummond, ahimé, non fa eccezione.

Enzo Carlucci

Letto 10670 volte

VIDEO IN EVIDENZA

  • Letto 1105 volte

VIDEO RECENSIONI

  • Letto 2678 volte
  • Letto 2289 volte

VIDEO BRANDS

  • Letto 2897 volte
  • Letto 1766 volte
  • Letto 1375 volte
  • Letto 3132 volte

VIDEO CARTOONS

  • Letto 1323 volte

ISCRIVITI PER ESSERE AVVISATO DEI NUOVI POST

Leggi tutti i Post dal BLOG

Accesso Utente

Utilizzando questo sito si accettano integralmente le norme e le condizioni d'uso in vigore