Direttive europee per la Pivacy Online

Questo sito WEB usa cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzionalità, anche di terze parti. Usufruendo del sito, acconsentite che questo tipo di informazioni vengano raccolte e memorizzate sul vostro dispositivo.

Leggi i riferimenti normativi europei sulla privacy online

Avete rifiutato l'utilizzo dei cookies. La vostra scelta può essere modificata in ogni momento.

Avete acconsentito all'utilizzo di cookies. Potete comunque modificare questa impostazione in ogni momento.

  • Audiophile sound 'digital'

      ANNUNCIO AS DIG 164 dig

    Un'edizione DIGITALE, INTERATTIVA, AMPLIATA
    con più rubriche, video clip dei critici, foto gallery,
    music link dei dischi recensiti, e molto di più!

    SOLO 3,90 per rivista + CD / SOLO 3 euro SENZA CD
    CLICK per anteprima      CLICK per l'acquisto

     AUDIOFILESHOP

  • Audiophile Vinili & Nastri

     ANNUNCIO REEL REEL

    The Vinyl Collection - 19 TITOLI disponibili
    Per vedere i titoli CLICK > ITALIAN  - CLICK > ENGLISH
    CLICK per l'acquisto

    The Reel-to-Reel Collection
    per informazioni CLICK > ITALIAN - CLICK > ENGLISH
    per info su vinili e nastri tel 089 72 64 43 cell 392 85 06 715

     

     

     

  • Audiophile sound 'cartacea'

     ANNUNCIO AS DIG 164 carta

    L'edizione in carta con CD fisico allegato
    Per l'anteprima CLICK Per l'acquisto CLICK
    Oppure acquistatela in edicola nazionale

     

     

     

    AUDIOFILESHOP

  • 1
Venerdì, 03 Ottobre 2008 13:26

The Who: Live at Leeds

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

THE WHO. LIVE AT LEEDS. LP

Classic Records / Track Records 2406

001. LP 150gr.

Reg. Leeds University, 14 febbraio

1970. Prod: The Who.

www.soundandmusic.com

giudizio artistico: ECCEZIONALE

giudizio tecnico: BUONO-OTTIMO


The Who: il miglior rock della storia del Rock, è stato detto.

Live at Leeds è uno dei grandi classici della storia del Rock.

Fotografa gli Who in un momento eccezionale. Nel 1970 gli Who

sono in piena temperie creativa ed energetica, hanno passato la loro

fase beat, hanno recepito gli influssi psichedelici, (con un primo

lavoro tematico, Sell Out, peraltro notevole), hanno introdotto nei

loro testi la satira e l'ironia verso la massificazione dell'uomo medio,

a braccetto con Ray Davies dei Kinks, e nel '69 hanno dato alle stampe

quella che è tradizionalmente considerata (anche se, come noto,

non è corretto: sono i Kinks a meritare questo primato) la prima

opera rock: Tommy. Dopo i concerti di quell'anno pubblicheranno

il loro migliore LP di sempre: Who's Next e poi ancora il capolavoro

doppio Quadrophenia. Successivamente, dopo una bella

raccolta di B-sides e inediti - Odds and Sods - si avvieranno a un

lento ma dignitoso declino, funestato, nel 1978, dalla morte a 32

anni - per overdose, ubriaco, di pasticche contro la dipendenza da

alcol - dell'immaginifico batterista Keith Moon. Attualmente degli

Who - che hanno continuato fare concerti e sporadiche registrazioni

in studio - sono rimasti in due, Townshend e Daltrey, in quanto

anche il bassista, Entwistle, se n'è andato nel 2002.

«Vedere gli Who dal vivo alla fine degli anni '60 era la più grande

esperienza live che il rock potesse offrire al mondo,» ha scritto

Chris Charlesworth. E c'è da credergli. Nel '67, con uno show

violento e trascinante, furono tra i trionfatori del Monterey Pop

Festival, dove conquistarono anche gli americani. Nello stesso 1970,

dopo un concerto americano, si congratulò con loro nientemeno

che Leonard Bernstein.

Peraltro proprio di testimonianze dal vivo gli Who (destino che

accomuna i grandi, basti pensare anche a Stones e Beatles) per

anni non ne abbiamo avute di pienamente soddisfacenti. Live at

Leeds era un 33 singolo, sono all'apice della forma ma ancora non

hanno pubblicato Who's Next e Quadrophenia, e comunque è pieno

di cover. Successivamente il doppio dal vivo dell'83 - seppure

contiene tutti i più grandi hits - arriva troppo tardi e coglie gli Who,

con il sostituto di Moon, in un momento di stanca e peraltro l'esecuzione

data alle stampe vede un Daltrey terribilmente giù di voce.

Bisognava accontentarsi, oltre al disco qui recensito, dei pezzi dal

vivo contenuti nello splendido doppio semiantologico The Kids Are

Alright (peraltro falcidiati nella versione digitale, uscita inopinatamente

su CD singolo). Solo negli anni 90, persa ogni speranza, sono arrivate

altre due bellissime doppie testimonianze dal vivo. La prima,

Join Together, nel '90, come frutto della prima reunion, quella del

venticinquennale, album che, nonostante ormai lontano anni luce

dal periodo storico e quindi privo di valore come 'documento',

conteneva di gran lunga la migliore scaletta fino ad allora di ogni

live degli Who (c'è Tommy intero), un'ottima performance e, soprattutto,

una buonissima registrazione. La seconda, nel 1996, è stata,

finalmente, la pubblicazione del Live at the Isle of Wight Festival

1970, che conferma l'incredibile livello delle performance di quell'anno

magico.

Prendiamo dunque questo Live at Leeds anche come una rara e

importante testimonianza storica.

Questo LP da 150 grammi rappresenta l'esatta riedizione dell'LP

originale britannico: Track 2406 001 (negli stati Uniti uscì come Decca).

Anche il packaging - ideato in maniera che sembrasse un bootleg -

è lo stesso: un color carta da pacco senza alcuna scritta, dentro e

fuori, solo un timbro con autore e titolo e un avvertimento: gli

scricchiolii non dipendono dal vostro impianto. Arricchisce questa

edizione una serie di foto e riproduzioni di scritti e documenti

dell'epoca. 6 brani. Nella prima facciata, accanto a un'energica e

tiratissima versione di Substitute, singolo del 1966, compaiono tre

frastornanti cover: Young Man Blues (Mose Allison), Summertime

Blues (Cochran/Capeheart) Shaking All Over (Johnny Kidd and the

Pirates): le formule r'n'r dei '50 e la sintassi blues, rivisitate secondo

i consueti moduli del beat inglese e del r&b, sono virate verso

pure atmosfere hard rock: non solo si prosegue il discorso già di

Beatles, Stones e poi Cream, ma si segna chiaramente la strada a

Led Zeppelin , Deep Purple e Black Sabbath.

Sul lato B solo due brani: due torrenziali versioni My Generation

e Magic Bus, irresistibile pezzo dal caratteristico ritmo sincopato,

che Townshend voleva sempre eseguire perché gli permetteva di

suonare la chitarra alla Bo Diddley, mentre era odiato da Entwistle,

che rimaneva ancorato a una linea di basso piuttosto priva di possibilità,

e tollerato da Moon che si divertiva comunque.

Il numero di brani pubblicati è stato poi ampliato nelle edizioni

in cd, a comprenderne molti altri dell'intera scaletta originale:

Heaven and Hell, I Can't Explain, Fortune Teller, Tatto, Happy Jack,

I'm A Boy, A Quick One, Amazing Journey/Sparks.

Il fulcro dell'LP è senz'altro il lungo medley di My Generation, l'inno

generazionale MOD del '65. Qui il pezzo parte in maniera tradizionale

(altre volte diventa un lento medley blues) ma la melodia

originale viene presto piegata a lunghe sequenze improvvisative,

contenenti ampi estratti da Tommy, blues scatenati, assoli di basso,

batteria e chitarra - in cui Townshend sembra duettare con la

propria stessa eco rimbalzata dalle pareti della sala - e punteggiate

da momenti quieti, con suggestivi arpeggi delle corde, e da lunghe

accelerazioni elettriche, in cui sono lucidamente anticipate le sonorità

degli anni 70 (in questo Live at Leeds è esemplare assieme a

pochi altri, come Abbey Road, Sticky Fingers, Electric Ladyland, dove

autori dei '60 sembrano letteralmente 'passare il testimone' a Led

Zeppelin, Deep Purple, King Crimson, ecc. per il decennio successivo).

A un certo punto ricompare il più bel tema di Tommy (See

me, Feel Me) a segnare un suggestivo contrasto tra le armonie

spartane del primo successo degli Who e il più organico discorso

musicale della rock-opera. Ci sono vari falsi finali del medley in cui

Townshend rallenta e silenzia la band solo prima di perdersi in territori

lirici solistici inesplorati, apparentemente a concludere il brano,

in realtà, sfoderando riff sempre diversi che sono entrati nell'ABC

del Rock, per ripartire e accelerare ancora una volta.

Live at Leeds è dunque un disco emblematico sotto molti punti

di vista.

In esso troviamo squadernate al massimo livello espressivo tutte

le più famose caratteristiche degli Who: il chitarrismo di Townshend,

sapiente ritmico e arrangiatore e ottimo, sapido solista, la

sezione ritmica di Moon/Entwistle, considerata la migliore dell'epoca,

capaci di coniugare punch roccioso e ossessivo con il continuo

uso di scale e rullate, la prima concezione di batteria e basso

- prima dei Cream - come strumenti solisti (Moon non aveva una

tecnica eccelsa, ma la sua istintività - si dice consumasse due set

di bacchette a settimana - e la sua creatività gli hanno dato uno

stile unico ed inimitabile: eseguiva fills fuori dal comune e, spesso,

non suonava un groove lineare, caratteristica tipica del successivo

prog) l'uso massiccio del feedback (furono a primi a considerarlo

e usarlo come suono e non come rumore), i complessi impasti vocali

e gli irresistibili cori, la presenza e le grandi capacità vocali e interpretative

di Daltrey.

In Live at Leeds tutte le somiglianze, i richiami, i prestiti e le

influenze del 'suono Who' nel grande fenomeno Rock sono evidenti:

chiarissimi i legami - già detti - con Beatles, Stones, Pretty Things

e Kinks, palese quanto i Cream, e poi latriade del primo hard rock, gli siano tributari

e, dall'altra parte dell'oceano, il gioco di rimandi con i Jefferson, i Quicksilver, gli

Allman Brothers Band, Hendrix. Live at Leeds fu pubblicato il 16 maggio negli

stati Uniti, il 23 in Gran Bretagna. Raggiunse il quarto posto in classifica negli USA, il terzo

nel Regno Unito. Semplicemente, questo è il Rock, signori. E tutto il resto è Rock se gli somiglia.

giudizio tecnico La prima registrazione che ebbi di Live at Leeds fu su cassetta, di un compagno, tuttora amico, della quarta ginnasio. Suonava malissimo. Poi iniziai a comprare. Posseggo una

ristampa Polydor dell'LP originale, acquistata da adolescente, che suonava così così e

ricordo come suonava la prima edizione digitale: alle solite, davvero un disastro, come sempre per le prime riedizioni in cd. Le cose andavano nettamente meglio con l'edizione

in cd del venticinquesimo anniversario, rimasterizzata, bene, in digitale.

E, decisamente, ancora meglio vanno con questa riedizione in vinile da 150 grammi

dell'LP originale. Qualcosa di buono nelle tracce originali doveva esserci e i tecnici di

questa edizione l'hanno saputa tirare fuori. Il compito era difficile: si trattava di trasporre

in una edizione audiophile tracce appartenenti al meno audiophile dei generi musicali, il

Rock, riprese nelle condizioni in cui il Rock ha sempre dato il peggio, dal vivo, e in una

lontana epoca in cui queste attenzioni nella musica pop erano pressoché sconosciute, e

gli stessi mezzi tecnici di uno studio mobile inadeguati.

Ebbene questa trasposizione è ben riuscita, da far quasi gridare al miracolo. Voglio dare

un 4 di incoraggiamento alla dinamica – una cui cattiva riuscita avrebbe semplicemente vanificato

gran parte della possibilità di rendere il Live Act degli Who - che è ben presente,

se consideriamo appunto di che registrazione si tratta e come suonano le altre versioni. Ha poco senso parlare di microdinamica, tuttavia i pianissimo e le accelerazioni, in particolare dell'immaginifico lato B, sono rese al meglio delle possibilità, e non le avevo

mai sentite così. La scena appare discontinua, evidentemente nel missaggio originale,

se non nella ripresa, fu seguita più di una strada. Gli strumenti sono un poco inscatolati

e in particolare le corde provengono spesso dai diffusori, tuttavia un abbozzo di

scena spesso c'è, con una discreta ricostruzione prospettica: le corde ai lati, con il

basso arretrato e decentrato, il cantante al centro e il batterista dietro di lui. La timbrica, l'estensione di gamma e il bilanciamento tonale di tutta l'incisione sono davvero più che buoni. In molti momenti c'è un discreto dettaglio. Nei momenti peggiori,

nei pieni, i suoni appaiono abbastanza confusi, 'affogati' e riverberanti. Tuttavia la chitarra

di Townshend e la batteria di Moon sono globalmente ben rese: quelli con più dinamica, timbrica più veridica, buona matericità.

Davvero nitida e materica la batteria di Moon, estremamente espressiva con la sua

notevole consistenza ed estensione (fu tra i primi a usare la doppia cassa), le sue rullate

continue, che sembra quasi appartenere a una incisione di categoria superiore. Un po' sottotono,

come vivacità e intensità, il basso di Entwistle e la voce di Daltrey che, pur apparendo

nello spazio chiaramente davanti a tutti e alla batteria in particolare, è scarsamente

presente e risonante, sembra sempre venire 'da lontano'. Godibili l'ambienza, gli

echi, il sottofondo del pubblico. Vale la pena ascoltare Live at Leeds su LP

da 150 grammi? Beh, senz'altro. E poi, parliamoci chiaro: se facessimo

sentire questo LP a qualcuno che c'è stato, ci potrebbe confermare che il service degli

Who - a parte la potenza (ma non è così per quasi tutti i concerti rock?) - quel giorno

a Leeds si sentiva molto peggio. Massimiliano Bondanini

Letto 8285 volte Ultima modifica il Venerdì, 03 Ottobre 2008 13:26

Editore

Iscriviti subito per ricevere la newsletter con le ultime novità dall'editore Pierre Bolduc: basta effettuare la registrazione sul sito

Leggi tutti

Hardware

  • Un impianto audio da due milioni di dollari!

    Non avete mai visto un impianto di ascolto Hi-End da due milioni di dollari? Eccovi accontentati! Si tratta del fantasmagorico impianto dell'azienda inglese Living Voice.

    Un impianto che resterà solo un sogno per la maggior parte di noi.

Ancora Hardware

  • Un paio di diffusori da 300 mila dollari

    Questi diffusori vengono costruiti con legni pregiati come frassino, ciliegio e noce. Il suono ottenuto è pari alla qualità dei materiali!

    Oswalds Mill Audio progetta diffusori da sogno... Un sogno che costa caro. Vediamo come vengono costruiti.

Varie

Musica e dischi

Tutti i video

  • AS Speciale Top Audio AS Speciale Top Audio
  • AS Souvenir Edition Audiophile Sound Souvenir Edition Una lunga intervista con Pierre Bolduc…
Sound and Music Novità Aprile 2016

Le novità di Aprile da Sound & Music

Sound and Music Novità Febbraio 2016

Le novità di Febbraio da Sound & Music

Audiophile Sound a casa tua

Abbonamento: Rivista+CD a casa tua

OFFERTA: Solo 81 Euro (con CD) per 12 numeri invece di 10

Risparmi 27 Euro su acquisto in edicola!!!

CLICCA QUI

Audiophile Sound Digital Edition

Compra l’ EDIZIONE DIGITALE

Solo 3,90 euro (5,90 con il CD)

Risparmia più di 3 Euro per numero!!!

CLICCA QUI

Audiophile Sound Abbonamenti

EDIZIONE DIGITALE

Solo 24 euro (39 euro con il CD)

OFFERTA: per 12 numeri invece di 10

Risparmia fino a 66 Euro sul'acquisto in edicola!!!

CLICCA QUI

 

Accesso Utente

Utilizzando questo sito si accettano integralmente le norme e le condizioni d'uso in vigore