×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 970

Direttive europee per la Pivacy Online

Questo sito WEB usa cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzionalità, anche di terze parti. Usufruendo del sito, acconsentite che questo tipo di informazioni vengano raccolte e memorizzate sul vostro dispositivo.

Leggi i riferimenti normativi europei sulla privacy online

Avete rifiutato l'utilizzo dei cookies. La vostra scelta può essere modificata in ogni momento.

Avete acconsentito all'utilizzo di cookies. Potete comunque modificare questa impostazione in ogni momento.

  • Audiophile sound 'digital'

      ANNUNCIO AS DIG 164 dig

    Un'edizione DIGITALE, INTERATTIVA, AMPLIATA
    con più rubriche, video clip dei critici, foto gallery,
    music link dei dischi recensiti, e molto di più!

    SOLO 3,90 per rivista + CD / SOLO 3 euro SENZA CD
    CLICK per anteprima      CLICK per l'acquisto

     AUDIOFILESHOP

  • Audiophile Vinili & Nastri

     ANNUNCIO REEL REEL

    The Vinyl Collection - 19 TITOLI disponibili
    Per vedere i titoli CLICK > ITALIAN  - CLICK > ENGLISH
    CLICK per l'acquisto

    The Reel-to-Reel Collection
    per informazioni CLICK > ITALIAN - CLICK > ENGLISH
    per info su vinili e nastri tel 089 72 64 43 cell 392 85 06 715

     

     

     

  • Audiophile sound 'cartacea'

     ANNUNCIO AS DIG 164 carta

    L'edizione in carta con CD fisico allegato
    Per l'anteprima CLICK Per l'acquisto CLICK
    Oppure acquistatela in edicola nazionale

     

     

     

    AUDIOFILESHOP

  • 1
Venerdì, 25 Ottobre 2013 17:17

SIR JOHN BARBIROLLI DIRIGE BRAHMS SU CD TESTAMENT

Vota questo articolo
(1 Vota)

 

 

 

 

 

 

 

BRAHMS. SINFONIA N. 2 IN RE MAGGIORE OP. 73. CD Testament: SBT 1469.

Berlin Philharmonic Orchestra, Sir John Barbirolli.

Reg. Live: Cattedrale di Coventry,6 Giugno 1962. Remastering: Paul Bailey da nastri dell'Archiv Berliner Philharmoniker.

giudizio artistico: ECCEZIONALE

Questo CD aiuta a documentarsi sul primo capitolo di una 'storia d'amore' tra una delle grandi orchestre del mondo e uno dei maggiori direttori del XX secolo.

Tra il 1961 e il 1970 Sir John Barbirolli diresse la Filarmonica di Berlino in una serie di concerti che divennero noti come 'Festival Barbirolli'. L'orchestra lo considerò il più grande direttore che li avesse condotti dai tempi di Furtwängler e le sue apparizioni furono talmente applaudite, che il pubblico si rifiutava di lasciare la sala anche dopo che l'orchestra aveva abbandonato il palco, e le luci si erano spente.

Un paio di avvertenze sono d'obbligo. Per quelli più abituati ad alcune recenti assurdità, come per esempio orchestre da camera che suonano Brahms, qui parliamo di musica in grande scala, stile 'interventista'. Oltre a questo, l'ensemble potrà sembrarvi a volte 'stonato', il che non deve sorprendervi poiché pare che i musicisti avessero enormi difficoltà nel sentire l'un l'altro in quell'ambiente acustico (vedere più sotto).

Nel primo movimento, Barbirolli ignora la ripetizione e vi sono piccoli innumerevoli cambiamenti di tempo e di dinamica: una nota o un accordo mantenuto a lungo, una frase indugiata oltre il dovuto, eppure tutto scorre splendidamente sull'onda dello splendido suono orchestrale, dove la forza degli ottoni è particolarmente significativa. Barbirolli lascia gli archi cantare nel movimento lento in una tale maniera che, nel 1962, forse solo la Filarmonica di Leningrado poteva eguagliare, e l'umore generale è quello di un'elegia estatica, nella quale allo stucchevole sentimentalismo non è mai permesso di intromettersi. L'Allegretto grazioso è interpretato a un ritmo cadenzato che scorre con inflessioni quasi mahleriane e cambi di tempo nel 'trio'. Il finale è invece un tour de force dall'esecuzione potente e concentrata. Vi sono minori variazioni di tempo, agli accordi dei 'forte' è dato peso eccezionale, e nella coda gli ottoni e i timpani trionfano.

Onestamente non esiste oggi un tale direttore, e un'orchestra così, che possano avvicinarsi a questo livello di coinvolgimento e perfezione. In una parola: gloriosa. Rob Pennock

giudizio tecnico: BUONO

dinamica: sufficiente-buono;  equilibrio tonale: buono  

palcoscenico sonoro: ottimo;  dettaglio: sufficiente-buono

Dato che il concerto fu registrato in una cattedrale, non c'è da stupirsi che il suono sia molto riverberante. Nell'introduzione tranquilla al primo movimento (in cui l'orecchio non si è ancora adattato) l'immagine è notevolmente torbida, i legni e i fiati suonano come se galleggiassero su un letto di caldo e pastoso suono d'archi in una caverna sepolcrale, e durante tutta l'esecuzione, gli ottoni in particolare suonano come fossero sospesi sopra il resto dell'orchestra. Particolarmente interessante, quando il livello di volume aumenta, il suono migliora notevolmente. I fiati hanno molta più definizione e chiarezza, e gli archi - anche se ancora un po' amorfi - hanno peso e attacco, e la loro qualità musicale è ben registrata. Il bilanciamento generale è a media distanza, l'immagine è ampia e la gamma dinamica di buona qualità, anche se non c'è dato di ascoltare gli eccezionali pianissimi tripli e quadrupli che Barbirolli riuscì a tirar fuori da quest'orchestra.

Chiaramente questo non è un suono audiofilo, purtuttavia non toglie nulla all'esecuzione. Tuttavia, dato che i master di questo disco provengono dall'Archiv Berliner Philharmoniker, si può solo sperare che un'altra rappresentazione di questo lavoro, che Barbirolli diede con loro qualche anno dopo a Berlino, sia stata conservata; e qualora esistano presso l'Archiv i nastri di altri concerti che egli diede con loro, sarebbe opportuno che fossero resi disponibili nel più breve tempo

possibile. Rob Pennock

Letto 8645 volte
Altro in questa categoria: « Mozart – Rameau The Celtic Viol Vol. 1 »

Iscriviti subito per ricevere la newsletter con le ultime novità dall'editore Pierre Bolduc: basta effettuare la registrazione sul sito

Leggi tutti

Hardware

  • Un impianto audio da due milioni di dollari!

    Non avete mai visto un impianto di ascolto Hi-End da due milioni di dollari? Eccovi accontentati! Si tratta del fantasmagorico impianto dell'azienda inglese Living Voice.

    Un impianto che resterà solo un sogno per la maggior parte di noi.

Ancora Hardware

  • Un paio di diffusori da 300 mila dollari

    Questi diffusori vengono costruiti con legni pregiati come frassino, ciliegio e noce. Il suono ottenuto è pari alla qualità dei materiali!

    Oswalds Mill Audio progetta diffusori da sogno... Un sogno che costa caro. Vediamo come vengono costruiti.

Varie

Musica e dischi

Tutti i video

  • AS Speciale Top Audio AS Speciale Top Audio
  • AS Souvenir Edition Audiophile Sound Souvenir Edition Una lunga intervista con Pierre Bolduc…
Sound and Music Novità Aprile 2016

Le novità di Aprile da Sound & Music

Sound and Music Novità Febbraio 2016

Le novità di Febbraio da Sound & Music

Audiophile Sound a casa tua

Abbonamento: Rivista+CD a casa tua

OFFERTA: Solo 81 Euro (con CD) per 12 numeri invece di 10

Risparmi 27 Euro su acquisto in edicola!!!

CLICCA QUI

Audiophile Sound Digital Edition

Compra l’ EDIZIONE DIGITALE

Solo 3,90 euro (5,90 con il CD)

Risparmia più di 3 Euro per numero!!!

CLICCA QUI

Audiophile Sound Abbonamenti

EDIZIONE DIGITALE

Solo 24 euro (39 euro con il CD)

OFFERTA: per 12 numeri invece di 10

Risparmia fino a 66 Euro sul'acquisto in edicola!!!

CLICCA QUI

 

Accesso Utente

Utilizzando questo sito si accettano integralmente le norme e le condizioni d'uso in vigore